BILANCIO XBRL

Novità di quest’anno (che ha non poco complicato la vita ai Commercialisti ed alle società), che può interessare buona parte delle piccole e medie aziende italiane, è l’obbligo, dall’annualità 2014, del deposito al Registro Imprese del bilancio (Prospetto Contabile + Nota Integrativa) in formato xbrl. Ricordo che il Bilancio deve essere approvato entro 120 g. dalla chiusura dell’esercizio (che normalmente risulta essere il 31/12) e deve essere inviato al R. I. entro i 30 giorni seguenti alla data di approvazione.
Che cos’è nello specifico l’xbrl? E’ un linguaggio di programmazione utilizzato per la predisposizione, analisi e trasmissione elettronica delle informazioni patrimoniali, finanziarie ed economiche aziendali.
Il Progetto xbrl è iniziato con l’invio dei Bilanci 2009, per il solo Prospetto Contabile (Stato patrimoniale e conto economico); il file generato è standard ed immodificabile benché in non pochi casi, per dare un’informazione veritiera e corretta a norma dell’art. 2423 del Cc, sarebbe invece necessario avere la libertà di integrare i modelli dettati dal Cc (allo Studio è capitato diverse volte dover apportare modifiche o integrazioni mediante la predisposizione, in aggiunta all’xbrl, di un file in formato pdfa, al fine di rappresentare in modo veritiera ed esauriente la gestione aziendale).
Dal bilancio 2014 l’obbligo xbrl si estende anche alla Nota Integrativa; tale documento ha lo scopo di illustrare in dettaglio il contenuto sintetico dei Prospetti Contabili e gli avvenimenti di particolare rilevanza occorsi nell’anno. Poiché la gestione aziendale non è per sua natura standardizzabile, la novità complica la vita delle società e dei consulenti con il risultato di avere un documento di complicata realizzazione, meno accurato rispetto al passato.
Lo scopo di rendere omogenei e confrontabili i dati di tutte le società di capitale, è, in teoria, buono; la realtà è che tale risultato pare difficilmente realizzabile con l’impiego di uno strumento standardizzato e rigido.

Dott. Tommaso Saglietti

P.S. Trattando questo argomento non intendo risolvere qualsivoglia dubbio ma voglio dare un’ informazione generale sull’argomento.
Rammento che la fiscalità in Italia cambia quotidianamente, quindi le notizie lette oggi possono risultare non veritiere domani