Rumble in the Jungle

Il match è in corso da tempo ed è un derby in casa Partito democratico. Ai due angoli del ring si trovano il sindaco di Domodossola, Mariano Cattrini, peso welter, e il suo omologo di Vogogna, Enrico Borghi, che appartiene di diritto ai pesi massimi in quanto parlamentare. 
Cattrini utilizza la tecnica dell'attacco frontale: assesta pugni senza curarsi di tattiche o difese, come Big George Foreman. Dall'altra parte invece c'è Borghi, che punzecchia l'avversario, e come Muhammad Alì - Cassius Clay vola come una farfalla e punge come un'ape.  
Il nostro "Rumble in the Jungle" non va in scena in un ring dello Zaire, ma nelle valli ossolane. 
I primi scontri tra i due sono partiti con qualche montante assestato da Borghi che ha rintuzzato nell'angolo Cattrini preferendogli Marzio Bartolucci come presidente dell'Unione. 
Cattrini, che possedeva la cintura di campione della Comunità montana valle Ossola, ha schivato il colpo espellendo dal ring in malo modo Damiano Delbarba, uomo di Borghi in Comune a Domodossola. 
Borghi ha subito ristabilito le gerarchie infilando Delbarba in provincia e di qui in avanti lo scambio di colpi si è fatto via via più pesante, coinvolgendo il tema della sanità. 
Cattrini ha piazzato un montante minacciando le dimissioni di massa, colpo andato parzialmente a vuoto, Borghi ha risposto con il gancio doppio rappresentato dal documento dei sindaci dell'Unione che replicava quello votato all'unanimità da tutti gli altri invitando il governatore Chiamparino in Ossola e scavalcando Cattrini e Monti, gli unici titolati a rappresentare i sindaci in materia di sanità. 
A quel punto sembrava quasi che la tensione fosse scesa, ma all'incontro di lunedì scorso organizzato dai sindaci dell'Unione (a cui era stato invitato a presentarsi) Cattrini ha mandato Bolognini, rappresentante di Domodossola nell'Unione, schivando tutti i colpi. 
Borghi ha risposto ottenendo che la visita di Chiamparino che le malelingue in un primo tempo volevano concordata a Domodossola, si svolgesse a Villadossola, a casa dell'alleato Bartolucci. 
E ha assestato un nuovo colpo, organizzando per sabato un incontro tra le mura amiche, a Vogogna, per concordare una linea comune in vista dell'incontro con il presidente della Regione. 
All'incontro però Borghi non avrebbe invitato il sindaco Cattrini, ma il capogruppo Pd in consiglio Bolognini. 
Una ripicca? Un colpo sotto la cintura?
A sentire i diretti interessati no. Nessuna ripicca, nessuna scortesia. I due boxeur si vogliono bene e si rispettano. E quelli che abbiamo visto non erano diretti o ganci, ma morbide carezze. 
In attesa, ovviamente, del colpo del ko.